perché il semplice saperlo è un seme; se il terreno è pronto una verità che lo incontra vi si annida e inizia a germogliare

Nel nome del Signore, Dio d’Israel, sia Michael alla mia destra, Gabriel alla mia sinistra, dinanzi a me Uriel, dietro a me Raphael.

E sopra la mia testa la divina presenza di Dio. (preghiera ebraica)

giovedì 31 marzo 2011

Sitael, angelo 3, dei nati fra il 31 marzo e il 4 aprile

Sitel o Seytel, o Seyita’el, è il terzo Soffio e terzo raggio angelico nel Coro nettuniano degli Angeli Serafini guidato dall’Arcangelo Metatron; qui governa le gioiose energie di Giove. Il suo elemento è il Fuoco; ha domicilio Zodiacale dal 10° al 15° dell'Ariete ed è l’Angelo Custode dei nati fra il 31 marzo e il 4 aprile.
I sei Angeli Custodi dell'Ariete, collettivamente, assicurano ai loro nati un'energia intensa e focosa, generoso entusiasmo e un acceso desiderio di rigenerazione.
Il nome di Seytel significa "Dio speranza di ogni creatura"
Il dono dispensato da Seytel è la COSTRUZIONE
Dice Haziel che Seytel emana all’indirizzo degli umani la sintesi della conoscenza sull’origine del mondo e concede rivelazioni riguardanti le Leggi che regolano l’Universo. Inoltre consente, da parte delle persone, l’esteriorizzazione di quegli elementi di “pianificazione cosmica” che essi sono riusciti a comprendere. Questo Angelo rappresenta e regola il potere di espansione conferendo il dono di far sfruttare ogni cosa. I suoi protetti possono essere portatori di idee “futuriste”: semplici, chiare, apportatrici di entusiasmo e di fiducia nell’avvenire; potranno diventare faclmente promotori di iniziative, che siano imprese od organizzazioni volte a realizzare un domani migliore. Saranno persone potenzialmente dotate di vero idealismo e, insieme, del senso pratico necessario a concretizzare i loro sogni. L'influenza di Seytel dona grande altruismo e generosità verso il prossimo, grande amore per la verità in ogni sua forma e in ogni campo.
Seytel secondo Sibaldi
Come sempre l'analisi parte dai significati nascosti nella radice del nome (samekh-yod-teth), che in questo caso
dicono "io guardo da dietro lo scudo, dal muro della fortezza". Dice Sibaldi che per chi crede nella reincarnazione in un modo ingenuo lo strano carattere dei Seyita’el può avere una sola spiegazione: devono essere anime rimaste legate a una loro qualche vita di soldati risalente ad almeno duecento, trecento anni fa, e nella nostra epoca si sentono a disagio. Avrebbero bisogno di disciplina ferrea, di ordini precisi a cui obbedire immancabilmente, di capi autentici da ammirare, e soprattutto di battaglie, di onesti scontri, possibilmente all’arma bianca, in cui resti spazio soltanto per il valore personale: e ai giorni nostri non è facile trovare qualcosa del genere. Perciò sono spesso così cinici e chiusi in se stessi, delusi da tutto o quasi; ed è anche come se si crogiolassero nelle loro delusioni. Perciò possono detestare le autorità: perché le trovano troppo poco autorevoli! E soffrono acutamente quando qualche loro amico manca alla parola data (non si usava, ai tempi loro!). E in un modo o nell’altro finiscono sempre per trovarsi una professione o un hobby che abbia a che fare con il metallo: chirurghi, dentisti, parrucchieri, collezionisti d’armi, appassionati d’arti marziali… o con apparecchi che colgano un bersaglio: macchine fotografiche, microscopi, strumentazioni nucleari e via dicendo. Come se davvero dovessero esprimere, anche negli oggetti d’uso, una profonda nostalgia per la guerra. Oppure realizzano, nel lavoro, il connubio tra obbedienza e voglia di trovarsi in prima linea: e diventano politici al tempo stesso tradizionalisti e audaci (Bismarck, De Gasperi), o sindacalisti, o funzionari dell’ufficio reclami, o vigili, poliziotti, o sacerdoti. Ma i loro superiori facciano attenzione: un Seyita’el è sempre pronto a piantarli in asso sbattendo la porta, se noterà in loro troppe incertezze, o pigrizie, o un’eccessiva tendenza al compromesso. E magari prima di andarsene farà anche qualche memorabile scenata, con il tono magari del Seyita’el Emile Zola, quando scriveva J’accuse!
C’entri o no qualche loro antico karma militare, sta di fatto che i Seyita’el non sanno proprio rassegnarsi alle delicate mezze misure della normale vita civile. Alle mezze obbedienze preferiscono la totale anarchia, il disadattamento addirittura, o l’eroismo: Seyita’el, tra gli attori, sono Toshiro Mifune, con tutti i suoi ruoli di magnifico samurai sempre fuori dal coro; e altri tipici outsider, come il Marlon Brando di Fronte del porto, Bulli e pupe, Gli Ammutinati del Bounty; e Bette Davis, Eddie Murphy, il Gregory Peck di Moby Dick, lo Spencer Tracy di Capitani coraggiosi e de Il vecchio e il mare. Tra i letterati, Giacomo Casanova è un Seyita’el celeberrimo, con i suoi tanti talenti e le ancor più numerose tecniche d’assedio (di fortezze femminili, nel suo caso) eppure senza mai fissa dimora, come se gli fosse seccato mettere radici nel suo tempo. Mentre quando in loro prevale la tenerezza, o un barlume di speranza di felicità, corrono fatalmente il rischio di assomigliare alla Sirenetta di Andersen – un Seyita’el anche lui – che sulla terraferma si sentiva talmente disadattata da morirne. Che fare? La maggior parte dei Seyita’el decide di elevare contro la vita quotidiana una barriera fatta di riserbo e di una discreta dose di bugie protettive. Si trincerano, tengono per sé soli le loro segrete nostalgie di un altrove più bello, e – come agenti segreti in missione – imparano a non dire nemmeno una parola che lasci intuire i loro stati d’animo. Altri si ribellano e cercano di produrre loro stessi quel che non trovano intorno: vogliono diventare capi, almeno in una cerchia ristretta (nella famiglia, per esempio, o in ufficio) per imporre lì i loro valori. Ma i risultati sono quasi sempre scoraggianti: Bismarck vi riuscì come cancelliere di Prussia, perché aveva sopra di sé il Kaiser, e dalla sua le tradizioni e le aspirazioni di un intero popolo storicamente nostalgico, ma i Seyita’el che tentano di diventare leader fai-da-te reggono difficilmente alla tensione, reagiscono malissimo a qualsiasi critica, non hanno la pazienza di indagare i sentimenti altrui, di chiedere ascolto, di adattarsi alle necessità e ai limiti di chi dovrebbe obbedirli. Una linea di condotta molto più saggia e produttiva consisterebbe nell’andare semplicemente fieri della propria diversità: nel guardare più attentamente quel mondo contemporaneo a cui si sentono estranei, e nel dire ciò che vi vedono, mettendo a disposizione di tutti il loro punto di vista così originale. Ogni gruppo umano, piccolo o grande, ha talmente bisogno di punti di vista differenti da quelli soliti! Un Seyita’el è nato apposta per criticare, per scalfire certezze collettive, per richiamare arditamente l’attenzione su valori fondamentali che si sono persi con il tempo: se avrà il coraggio e la generosità di farlo, qualunque sia la sua posizione nella società attuale, non potrà che essere utile a molti, e ne avrà in cambio la loro stima.
Qualità di Seytel e ostacoli dall'energia "avversaria"
Le qualità sviluppate da Seyel sono grande fedeltà alla parola data, spirito di servizio e gentilezza, forte tendenza all'altruismo e alla magnanimità nei confronti del prossimo.
L'Angelo dell'Abisso a lui contrario si chiama Kimrah e rappresenta l’avidità e gli eccessi, istiga l'uomo alla menzogna, all’ingratitudine e all'ipocrisia.
Meditazione associata al Nome: fare miracoli
La meditazione associata a Sytael si chiama "fare miracoli". Secondo la Kabbalah prima che l'immensa forza di questo Nome sia liberata è necessario giungere a un determinato livello di comprensione: perché la semplice nozione di un fatto non rappresenta di per sè un potere. Il potere si acquisisce con un sapere più ampio e preofondo: conoscenza e saggezza sono potere. Un miracoloso cambiamento nel nostro carattere può condurre a un'energia capace di produrre cambiamenti tali, nella nostra vita, da essere veri e propri 'miracoli'. • Meditazione: ora, concentrando la tua visione sulle lettere ebraiche della radice del Nome, senza pensare ad altro, respira e, lasciandoti permeare profondamente e a lungo dal suo significato, pronuncia questa intenzione: per il potere di questo Nome mi libero dall'egoismo, dell'invidia, della paura e dell'autocommiserazione. Rifiutando queste tentazioni parassitarie il potere del Nome mi pervade e attiva la mia capacità di cambiamento.
Esortazione angelica
Sytael esorta a riconoscere nei propri nemici i difetti di cui noi stessi ci dobbiamo liberare e a condividere con il mondo le verità positive che abbiamo raggiunto.
Giorni e orari di Sytael
Se sei nato nei giorni di reggenza di questo angelo, Sytael è sempre in ascolto per te; ma in particolare le sue energie si schiudono nelle date del tuo compleanno e negli altri 5 giorni che ti sono dati dal calcolo della Tradizione. Suoi giorni di reggenza sono anche: 11 gennaio, 23 marzo, 5 giugno, 19 agosto, 31 ottobre; ed egli governa ogni giorno, come "angelo della missione", le energie dalle h. 00.40 alle 1.00. Assiste perciò, in particolare, anche i nati in questi giorni e in questo orario, in qualunque data di nascita, ed è questo l'orario migliore in cui tutti lo possono invocare. La preghiera rivolta specificamente a Sytael è il versetto «Refugium meum et fortitudo mea, Deus meus, sperabo in eum» (di’ al Signore: Mio rifugio e mia fortezza, mio Dio, in cui confido- Sal. 90,2). Il salmo 90, da cui è tratta questa preghiera, è tradizionalmente un salmo di protezione; recitarlo mette al riparo dalle situazioni di pericolo; Fra i doni che concede Seytal, infatti, c’è la specifica protezione da ogni forma di negatività e di attacco fisico o psichico.
Corrispondenze con le simbologie degli Arcani maggiori
A ciascuna delle 22 lettere ebraiche sono associati dei numeri, dunque ad esse possono venire associate anche corrispondenze con le relative simbologie dei 22 Arcani maggiori dei Tarocchi; questo può essere interessante per chi desidera interrogare questi simboli sul solo piano di vero interesse: quello cioè dell'introspezione psicologica. Mentre le lettere ebraiche si leggono da destra a sinistra, però, i corrispondenti Tarocchi vanno letti da sinistra a destra. In questo caso, la radice samekh-yod-teth del Nome risponde alla configurazione: il Diavolo - la Ruota - l'Eremita.
Da qui la riflessione che nasce dalle domande poste da questi arcani: chiede il Diavolo (le forze dell'inconscio, passione, creatività): a chi sono legato? qual è la mia tentazione? qual è la mia capacità creativa? quali sono i miei valori negativi, e quali le pulsioni che ho a mia disposizione? Chiede la Ruota (principio, metà o fine di un ciclo): che cosa deve cambiare,  quale ciclo si è concluso nella mia vita? quali sono le mie opportunità?  che cosa mi aiuta? che cosa sto ripetendo? quale enigma emozionale mi impedisce di andare avanti? Chiede l'Eremita (crisi, transito, saggezza): che cosa dice la mia saggezza? da cosa mi sto allontanando? in che cosa sono in crisi? a cosa devo rinunciare?
CORI DI APPARTENENZA E ARCANGELI DI INFLUENZA
Rimando infine al Coro e alle energie arcangeliche che dispensano influenze ai nati fra il 31 marzo al 4 aprile. L'angelo Sytael appartiene al Coro degli Angeli Serafini guidato dall' Arcangelo Metatron. Questa decade in particolare (31 marzo-9 aprile) e il segno dell'Ariete nel suo complesso cadono entrambi sotto il severo 'influsso dell'Arcangelo Kamael.
Con questi link vi reinvio a tali entità angeliche: i nati in questi giorni sono invitati a consultarle, insieme a quella del loro Angelo Custode Sytael. Infatti anche le energie di questi Arcangeli sono al loro fianco. Infine bisogna ricordare che una specifica influenza sulla persona è esercitata anche dall'Angelo che aveva reggenza nell'orario della nascita.
Cambiando argomento
Cambiando argomento, ma non troppo, i "santi laici" di questi giorni sono Vncenzo Caruso e Giuliano Guiazzelli, carabinieri; Calogero cabngelosi, sindacalista.

Nessun commento:

Posta un commento