perché il semplice saperlo è un seme; se il terreno è pronto una verità che lo incontra vi si annida e inizia a germogliare

Nel nome del Signore, Dio d’Israel, sia Michael alla mia destra, Gabriel alla mia sinistra, dinanzi a me Uriel, dietro a me Raphael.

E sopra la mia testa la divina presenza di Dio. (preghiera ebraica)

martedì 2 agosto 2011

Yerathel, angelo 27, dei nati fra il 2 e il 6 agosto

Yerathel, o Yeratel, o Yerathe’el, è il 27esimo Soffio e il terzo raggio angelico nel Coro degli Angeli Dominazioni, nel quale amministra le energie di Giove. Il suo elemento è il Fuoco; ha domicilio Zodiacale dal 10° al 15° del Leone ed è l'Angelo Custode dei nati dal 2 al 6 agosto.
I sei Angeli Custodi del Leone sono potenze solari che, collettivamente, suscitano nei loro nati un sentimento acuto del potere legale, grande fierezza e amabilità.
Il nome di Yerathel significa “Dio vigilante”, o “Dio che punisce gli empi”
Il dono dispensato da Yerathel è la DIFFUSIONE DELLA LUCE, e la CIVILTA’.
Questo Angelo Custode-Dominazione domina la diffusione della cultura e della civiltà. Dice Haziel che Yerathel esprime efficacemente i doni e i poteri del Centro cui appartiene: si può dire che da lui irradino contemporaneamente i poteri creatori dei Serafini, l'amore-saggezza dei Cherubini, la capacità legale dei Troni e quella di organizzare nuovi mondi. Invocarlo significa risolvere immediatamente tutti i possibili problemi di ordine personale, politico, sociale: egli risponde prontamente, come ricevendo i suoi protetti a braccia aperte per concedere loro pace, conforto e realizzazione delle speranze. Dona successo in campo letterario, vincita in procedimenti giudiziari, rapporti sereni e pacifici con i propri vicini e con la gente in generale. Concede infatti ottimismo, gioia e tutte le virtù superiori che portano al successo nei più svariati campi: dall’amore agli affari e al denaro, dal prestigio sociale alla spiritualità. Confonde coloro che si servono della calunnia per danneggiare il prossimo, rendendoli innocui o facendo pagare loro il prezzo delle loro colpe. Yerathel è anche portatore di perdono Divino: passa definitivamente la spugna sul passato e apre nuove prospettive (caratteristica di guarigione tipica anche dell'Arcangelo Raffaele, molto collegato a questo angelo). La persona potrà così diventare, fra i suoi simili, colui che schiude nuovi orizzonti e fa procedere le cose nella giusta direzione. Chi ha la fortuna di averlo come Custode può considerarsi in un’incarnazione “favorevole” perché questa benevola energia non gli è toccata per caso, ma è stata meritata.
Yerathel secondo Sibaldi
Sibaldi dice che Yerathe’el potrebbe essere l’Angelo di D’Artagnan, perché questo famoso moschettiere presenta veramente tutti i tratti dei suoi protetti, tanto da far seriamente pensare che Dumas, nel progettarlo, avesse consultato qualche prontuario di angelologia. Come i tipici Yerathe’el, anche D’Artagnan è rissoso, temerario, giocatore, idealista, incorruttibile, cavalleresco e, soprattutto, splendidamente leale e generoso con gli amici, moschettieri come lui. Al tempo stesso, è afflitto da un segreto senso di colpa, che in un modo o nell’altro lo intralcia puntualmente nel guadagnare per sé solo; e da un senso d’inferiorità che, se da un lato contribuisce molto alla sua passione per i duelli, dall’altro gli fa cercare sempre qualcuno da venerare (che ne I tre moschettieri era Athos); e infine da un troppo burrascoso senso d’indipendenza, che ha spesso l’effetto di metterlo in pessima luce agli occhi dei superiori. Se verificate negli Yerathe’el che avete conosciuto potrete riconoscere attinenze con questo modello. Il tratto principale e più delicato della personalità yeratheliana sembra essere proprio il senso di colpa: immotivato, di solito (non riferibile cioè a qualche colpa reale), eppure profondo, invincibile, tumultuoso. È certamente alla radice della proverbiale aggressività degli Yerathe’el, che divampa solo contro chi abbia fatto o voglia fare qualcosa di male. Si direbbero paladini sempre pronti a smascherare colpevoli, e che in ciascuno di essi si rispecchino, cioè lo attacchino per alleggerire la loro stessa coscienza. La stessa tensione alimenta in loro il grande bisogno di un ideale, di trovare qualche superiore che gli affidi un incarico, possibilmente audace: perché il suo io, la sua volontà, i suoi desideri gli sembrano sempre indegni, miserevoli, colpevoli. «Che diritto ho, io?» sembra domandarsi sempre, in fondo al cuore. Può derivarne anche un amore del rischio che lo Yerathe’el interpreta come una sofferenza a lui necessaria, una sorta di abnegazione. E anche l’amore del gioco, nel quale la speranza di fortuna nasconde l’inconscio desiderio di perdere, come fosse intimamente convinto di meritare questo, dal destino. Non se la passano meglio gli Yerathe’el più prudenti, più scettici e miti; in loro l’ansia del senso di colpa è solo più recondita e perciò ancora più dolorosa: causa in loro un senso di perenne sconfitta, o peggio ancora quella speciale repulsione nevrotica verso la gioia e le vittorie, per la quale alcuni arrivano a credere di non poter ottenere successi nella vita senza che su un loro caro si abbatta una disgrazia (ossessione, questa, tutt’altro che rara). Appunto perciò fanno pochissimo per sé e molto per gli altri, tanto che se non hanno amici per cui lavorare possono anche ritrovarsi per anni a non far nulla di preciso. Inutile nutrire illusioni al riguardo. Questa non è una situazione che si possa “modificare”, però ci si può giocare in modi diversi. Davanti a questa specie di nevrosi congenita, la scelta fondamentale della loro vita si pone tra due modi di intenderla: come una condanna (dovuta a un karma pesante da subire), oppure come stimolo all’azione. Il primo è il caso dello Yerathe’el pessimista, scostante, infelice, in un certo senso bramoso di rovesci della sorte, una sorta di outsider tormentato: come furono Percy B. Shelley, disordinato e tragico; Maupassant, che morì in manicomio; ma anche i protagonisti dei film dello Yerathe’el John Huston (dal Tesoro della Sierra Madre a Moby Dick); o i personaggi interpretati dall’inquietissimo, plurirecidivo Yerathe’el Robert Mitchum: in particolare l’ex galeotto de Il promontorio della paura, che del senso di colpa era la personificazione. Ma è il secondo caso quello dei veri Yerathe’el, quello per cui sono nati, che realizzano precisamente il compito a cui il loro Angelo li ha avviati: è il caso in cui gli Yerathe’el possono trasformarsi in perfetti eroi, e che richiede loro di prendere sul serio quel senso di colpa e di portarlo all’estremo.
Se non possono approvare e amare il loro io così com’è non devono sforzarsi di farlo, ma devono riconoscere questa difficoltà e imparare piuttosto a superare questo io ingombrante: a trascenderlo per dedicare veramente agli altri le loro potenzialità. Non riescono a non credere di non meritare alcuna ricompensa dal destino? Continuino a godere tranquillamente di questa convinzione, ma abbraccino una professione in cui aiutare altri a ottenere le ricompense e la felicità che meritano, o a non farsele sottrarre. Non per niente nella radice del Nome 'yod-resh-thaw' c’è il concetto “Io bramo che ognuno superi se stesso”. Potranno essere preziosi come agenti, produttori, consulenti, avvocati, giudici, carabinieri, medici anche. Gli Yerathe’el medici sono valenti avversari delle malattie, come lo Yerathe’el Alexander Fleming, scopritore della penicillina. I benefici anche per loro saranno enormi: oltre a trovare finalmente un concreto e stabile sollievo al loro senso di colpa, si sentiranno amati, utili e necessari, il che per loro è quasi la porta dell’autentica felicità.
Qualità di Yerathel e ostacoli dall'energia "avversaria"
Yerathel dona carattere pacifico e pacifismo, sopportazione, pentimento, rettitudine, fedeltà al proprio destino, benevolenza, felicità.
L'angelo dell'abisso a lui contrario si chiama Ergamen e rappresenta l’intolleranza; causa insofferenza, insolenza, schiavismo, ignoranza, intolleranza nei confronti delle opinioni altrui; invidia, conflitti, ingiustizie, perdita della libertà personale.
Meditazione associata al Nome
La meditazione associata a Yerathel si chiama "il partner silenzioso”. Premesso che esistono 2 tipi di ricchezze (quelle materiali e quelle spirituali); secondo la Kabbalah il modo in cui riusciremo ad attingerle dipende dal “partner” invisibile che ci scegliamo. Se scegliamo come partner le forze dell’oscurità potremo realizzare anche il 100% delle nostre possibilità di ricchezza materiale, ma saremo costretti a cedere il 90% della luce spirituale, per accontentarci di quel 10% che splende in modo effimero di gratificazioni momentanee. La forza dell’oscurità userà il restante 90% perso per rafforzare se stessa e alimentare distruzione nel mondo e nella nostra vita. Ma se scegliamo la Luce, come nostro “partner silenzioso”, ci resterà il 100% della Luce ma anche il 90% della ricchezza materiale: e – sempre secondo la tradizione kabbalistica - per ottenerla è sufficiente che ciascuno ceda di buon grado la cosiddetta “decima”, cioè reinvesta almeno il 10% dei propri guadagni (o del proprio tempo) in opere di beneficenza, in carità davvero gratuita offerta in soccorso di chi ha meno. Lasciando la Luce fluire liberamente, questo avrà anche l’effetto di eliminare l’oscurità dalla nostra vita. Meditazione • Ora, concentrando la tua visione sulle lettere ebraiche della radice del Nome, senza pensare ad altro, respira e, lasciandoti permeare profondamente e a lungo dal suo significato, pronuncia questa intenzione: per l'energia di questo Nome io scelgo come mio partner silenzioso la Luce; cedo senza rimpianti qualcosa del mio benessere materiale, ricevo benedizioni e protezione infinita.
Esortazione angelica
Yerathel esorta a utilizzare i propri talenti per portare progresso al mondo e agli altri, diffondendo tolleranza, benessere, pace, armonia.
Giorni e orari di Yerathel
Se sei nato nei suoi giorni di reggenza Yerathel è sempre in ascolto per te; ma in particolare le sue energie si schiudono nelle date del tuo compleanno e negli altri 5 giorni che ti sono dati dal calcolo della Tradizione. Suoi giorni di reggenza sono anche: 3 febbraio, 16 aprile, 30 giugno, 13 settembre, 24 novembre; ed egli governa ogni giorno, come "angelo della missione", le energie dalle h.8.40 alle 9.00. Assiste perciò, in particolare, anche i nati in questi giorni e in questo orario, in qualunque data di nascita, ed è questo l'orario migliore in cui tutti lo possono invocare. La preghiera tradizionale rivolta a Yerathel è il 2° versetto del Salmo 139: Eripe me, Domine, ab homine malo, a viro violentiate serva me (Liberami Signore dalle persone malvage, proteggimi dall'uomo violento).
Corrispondenze con le simbologie degli Arcani maggiori
A ciascuna delle 22 lettere ebraiche sono associati dei numeri, dunque ad esse possono venire associate anche corrispondenze con le relative simbologie dei 22 Arcani maggiori dei Tarocchi; il che ci dà ulteriori spunti sul piano dell'introspezione psicologica. In questo caso la radice yod-resh-thaw risponde alla configurazione:
"la Ruota – il Giudizio – il Matto"
da cui la riflessione interiore suggerita dalle domande poste da questi arcani. Chiede la Ruota (principio, metà o fine di un ciclo): cosa devo cambiare, quale ciclo si è concluso nella mia vita? quali sono le mie opportinità? cosa mi aiuta? cosa sto ripetendo? quale enigma emozionale mi impedisce di andare avanti? Chiede Il Giudizio (nuova coscienza, desiderio irrefrenabile): cosa si sta risvegliando in me? quali sono i miei desideri irresistibili? che cosa stiamo creando insieme? qual è la mia posizione di fronte all'idea di formare una famiglia? chiede il Matto: da cosa mi sto liberando? da cosa devo liberarmi? Come posso canalizzare la mia energia?
CORI DI APPARTENENZA E ARCANGELI DI INFLUENZA
Rimando infine al Coro e alle energie arcangeliche che dispensano influenze ai nati fra il 2 e il 6 agosto. L'angelo Yerathel appartiene al Coro degli Angeli Dominazioni guidato dal benevolo Arcangelo Hesediel. Il segno del Leone e la decade che qui interessa (quella dal 2 al 12 agosto) cadono entrambi sotto l'influsso dell’Arcangelo Raffaele. Con questi link vi reinvio a tali entità angeliche: i nati in questi giorni sono invitati a consultarle, insieme a quella del loro Angelo Custode Yerathel. Infatti anche le energie di questi Arcangeli sono al loro fianco. Infine bisogna ricordare che una specifica influenza sulla persona è esercitata anche dall'Angelo che aveva reggenza nell'orario della nascita.
Cambiando argomento
Cambiando argomento, ma non troppo, i "santi laici" di questi giorni sono le vittime della strage di Bologna, le vittime della strage dell'Italicus, e il magistrato Gaetano Costa.

Nessun commento:

Posta un commento